Viaggio Nel Mondo

Campofelice di Roccella

A metà strada tra Cefalù e Termini Imerese, sulla costa settentrionale della Sicilia, si trova Campofelice di Roccella, cittadina dal nome evocativo in provincia di Palermo, da cui dista meno di un’ora d’auto. La lunga e assolata spiaggia e il piccolo e grazioso centro storico ne fanno una meta molto frequentata in estate, quando la concentrazione demografica è 5 volte superiore a quella invernale. Turismo e agricoltura sono le attività economiche prevalenti di questo centro siciliano appartenente alla Rete dei Comuni solidali d’Italia a sostegno dei paesi del Terzo Mondo.

La città

Ai piedi dell’altopiano della Madonie e al di sopra di una morbida collina, Campofelice, “porta delle Madonie”, è stata contesa per molti secoli dai vari popoli conquistatori, proprio per la sua posizione dominante rispetto al litorale. Il centro ha dimensioni modeste ma non per questo è privo di attrazioni. Tra le chiese merita una visita quella di Santa Rosalia, patrono della città, costruita negli anni 30 dell’Ottocento e fulcro della vita religiosa della comunità locale. Sulla spiaggia, vicino alla foce del torrente Rocella, si trova il simbolo architettonico di Campofelice, la Torre-Castello Roccella, fortificazione araba del 1300 di cui sopravvivono affascinanti ruderi che si tuffano nel mare azzurro.

Le spiagge

Campofelice di Roccella è una destinazione balneare molto frequentata grazie alla sua bella spiaggia di sabbia e ghiaia a cui si accede comodamente dalla passeggiata lungomare. Con i suoi 10 Km di lunghezza, essa si posiziona ai primi posti fra le spiagge più lunghe della costa palermitana. Bagnato dalle acque del Golfo di Termini, il litorale cittadino è attrezzato con ogni comfort, come chioschi-bar e residence a pochi metri, concentrati soprattutto nel tratto occidentale della costa. I fondali, più profondi nei pressi di contrada Solfarelli, si inabissano gradualmente per tutto il perimetro costiero guadagnando il largo.

Il fenomeno naturale del raggio verdeà

Dalla spiaggia di Campofelice è possibile assistere ad uno spettacolo naturale abbastanza raro: il raggio verde. Si tratta di un fenomeno ottico visibile nelle sere d’estate quando, al tramonto, il sole irradia un fascio luminoso color verde che rimane nel cielo per pochi secondi, un tempo sufficiente per distinguerlo dalla luce rossastra sulla quale si staglia. Tra gli altri, anche Jules Verne si ispirò a questo fenomeno intitolando ad esso un suo romanzo.

Come arrivare

Campofelice si raggiunge dall’aeroporto di Punta Raisi (PA) percorrendo l’autostrada A19 fino all’uscita di Buonfornello (6,5 Km da Campofelice). Sull’isola è possibile raggiungere la città anche in treno fino alla stazione cittadina che dista 3,5 Km dal centro abitato.

,