Viaggio Nel Mondo

Patti

Affacciata sul Mar Tirreno, in posizione centrale rispetto all’omonimo golfo, la città di Patti si trova in provincia di Messina da cui dista 50 minuti di auto (15 da Tindari). Questo centro, tra i maggiori del messinese, affonda le sue origini nell’VIII sec a.C ed è stata teatro di dominazioni diverse così come tutti i luoghi di Sicilia. Ricca di testimonianze storiche e artistiche, deve ai monumenti cittadini e al suo splendido mare la fama di rinomata località turistica. A pochi passi da riserve naturali e aree archeologiche, annovera, tra i punti di forza, anche le belle ceramiche e la buona tavola, come le leggendarie granite siciliane con brioche.

La città

Il centro storico di Patti, delimitato dalle originarie mura medievale, si mostra arroccato al di sopra di una collina tra strette viuzze ed edifici storici. Tra questi spiccano due costruzioni: la prima è la Cattedrale di San Bartolomeo (1094), riconoscibile per la facciata settecentesca in marmo policromo e custode delle reliquie di Santa Febronia, originaria di Patti, e del sarcofago rinascimentale della regina Adelasia, madre del primo re di Sicilia, Ruggero II; la seconda è il seminario vescovile, imponente struttura rosa pastello che ricorda al visitatore che Patti è sede di una delle diocesi più antiche dell’isola (risale all’anno 1000). Centri della vita cittadina sono Piazza Sciacca e Piazza Marconi dove si trova l’ufficio turistico. Da non perdere, benché mal conservata, la Villa romana poco fuori dal centro urbano, in prossimità del sottopasso autostradale. Con lo sviluppo edilizio le case hanno a poco a poco raggiunto la costa fondendosi con la località di Marina di Patti, sbocco della città sul mare.

Le spiagge

Il litorale di Patti, interamente balneabile, misura 12 km e si presenta come un susseguirsi ininterrotto di spiagge dorate, grotte e scogliere. Il tratto di costa più suggestivo è probabilmente quello al confine con la cittadina di Tindari, a est. E’ qui che si trovano i Laghetti di Marinello, piccoli specchi d’acqua che affiorano con l’alta marea da dorate lingue di sabbia che si fondono con il mare (l’area è riserva naturale protetta). Anche il lungomare di Marina di Patti, lungo 2 Km, offre belle spiagge, libere e attrezzate e ombreggiate da pini e palme.

L’area archeologica di Tindari

Città greco-romana, Tindari, frazione di Patti, è uno dei più importanti siti archeologici della Sicilia. Qui, nel corso degli anni sono venuti alla luce tesori sepolti, mosaici, sculture, ceramiche e aree dal passato illustre, come un teatro con vista mozzafiato. Tindari è anche meta di pellegrinaggio per il culto della Madonna nera, statua in legno di cedro di probabile derivazione orientale, conservata in un suggestivo Santuario a picco sul mare, vicino all’antica acropoli.

Dintorni

A circa un’ora di macchina da Patti si raggiungono due parchi naturali di grande valore paesaggistico. Il Parco dell’Etna e il Parco dei Monti Nebrodi che con le Madonie costituisce l’Appennino siculo (tra piante e animali endemici, vive il suino nero). A separarli, le gole del fiume Alcantara, altra meravigliosa attrazione messinese dalle acque purissime e gelide che scorrono tra pareti ripide e alte fino a 12 metri.

Come arrivare

Patti si trova lungo la SS 113 ed è raggiungibile dall’aeroporto internazionale di Catania Fontanarossa, da cui dista 1 ora e 50 minuti (più lontano l’aeroporto di Palermo, 2 ora e 20 minuti).

,