Viaggio Nel Mondo

Terrasini

Borgo di mare e di pescatori, Terrasini sorge poco più a sud dell’aeroporto Punta Raisi di Palermo, ai piedi del promontorio di Capo Rama, confine orientale del golfo di Castellammare. Il toponimo della cittadina, infatti, deriva probabilmente da “terra sinus”, ossia terra del golfo, le cui acque lambiscono il litorale cittadino. Bellezze naturali e storiche fanno di questo paese una località siciliana molto frequentata (dista 30 Km da Palermo e 70 da Trapani) soprattutto nella stagione estiva, quando le splendide spiagge e gli speroni rocciosi regalano panorami da sogno.

La città

A 34 metri sopra il livello del mare, Terrasini ha in Piazza Duomo il suo baricentro. Restaurata di recente, quest’ampia area rettangolare con piccolo spazio verde adiacente (villa San Giuseppe), ospita la pro loco cittadina e il Duomo, eretto nel 1749: la Chiesa di Maria Santissima delle Grazie, patrona della città.

Tra le attrazioni culturali anche Palazzo Cataldi e La Grua Talamanca, rispettivamente sede della biblioteca civica e del municipio, e Palazzo D’Aumale (1800) che deve il suo nome al duca D’Aumale (figlio del re di Francia, Luigi Filippo), che lo acquisì da Don Vincenzo Grifeo, Principe di Partanna. Ubicato sul lungomare di Terrasini, intitolato a Peppino Impastato, oggi accoglie un museo etnografico ricco di storie e cimeli ed è riconoscibile per la bella facciata liberty rosa pastello. Dello stesso stile anche Villa Fassini che sorge tra ulivi e alberi di limoni nella prima periferia. La struttura più antica di Terrasini (XV secolo) è infine la Torre di Capo Rama, vedetta diroccata a pianta circolare che svetta sull’omonimo promontorio, al di sopra una bianca scogliera.

Le spiagge

La costa di Terrasini, ininterrotto e frastagliato sali e scendi (un’altra possibile origine del nome della cittadina è proprio “terra sinorum”, terra delle insenature), offre scorci vari e molto suggestivi. É infatti un tratto di Sicilia famoso per le sue mirabili vedute. Dirupi scoscesi si alternano a piccole baie di ciottoli e sabbia oltre a grotte naturali. Tra le spiagge più frequentate, la Ciucca, Cala Rossa così chiamata per le rocce purpuree venate di bianco, e il lido sabbioso di San Cataldo raggiungibile percorrendo a piedi un breve sentiero immerso nel verde. Al largo della costa, si trovano altri elementi distintivi di Terrasini, i faraglioni, che emergono solenni dalle acque azzurre.

Feste e tradizioni

Come i più antichi borghi di Sicilia, anche Terrasini mantiene vive le proprie tradizioni religiose e folcloristiche. Tra queste, a fine giugno, la festa di San Pietro, patrono dei pescatori, quella di San Giuseppe della durata di tre giorni, e quella de “li Schietti” (scapoli) che ricorre ogni anno, la domenica di Pasqua, dal 1850 e vede i più giovani cimentarsi in una prova di forza ed abilità: il sollevamento di un albero di arancio di 50 kg mantenuto in equilibrio sulle mani.

La Riserva Capo Rama

Dal 2000, nel territorio comunale di Terrasini, è stata istituita la Riserva Naturale Orientata Capo Rama gestita dal WWF. In quest’area protetta, che possiede una superficie di quasi 60 ettari e comprende il promontorio di Capo Rama, vivono molte specie vegetali e animali. Meritano una menzione il papavero giallo e la quercia spinosa, la lucertola siciliana, variegate farfalle e i numerosi volatili, come il falco pellegrino, il gabbiano reale e l’airone cinerino che rendono la riserva una meta ambita dagli amanti del bird watching.

Come arrivare

E’ possibile raggiungere Terrasini dall’Aeroporto Internazionale Falcone e Borsellino (Punta Raisi) da cui dista appena 12 Km. In auto, invece, si raggiunge percorrendo l’autostrada A29 Palermo/Mazara del Vallo con uscita all’altezza del Km 23.

,